Non leggere questa storia….. Dott. Giulio Marsala

 

Giulio Marsala

Sono sicuro che dopo averla letta cambierà qualcosa anche dentro di te, avrai più speranza e più fiducia nel futuro………. scommettiamo?

Ok, ci vediamo alla fine di questa lettura.

Sto per raccontarti un’esperienza incredibile che ho vissuto, una cosa di quelle: “a me queste cose non capiteranno mai”Ti piacciono i film o i libri?  Si? Bene, pensa allora al tuo preferito. Quante volte l’hai visto/letto?  Quanto ti ha fatto riflettere, quanto ti ha fatto sognare?  Quanto ti ha arricchito? Ce l’hai bene in mente? Bene, è vero o non è vero che i film e i libri sono un meraviglioso strumento di trasmissione di conoscenza, esperienza ed emozioni? È vero o non è vero che il tuo film o libro preferito è qualcosa che appartiene a te, diventa tuo, fa parte della tua esistenza più profonda, dei tuoi sogni?

Certo che SI!

È qualcosa che trascende il suo creatore, viaggia nel tempo e nello spazio, e ti colpisce con forza anche se è vecchio di anni. I personaggi infatti non invecchiano mai, soprattutto dentro la tua testa. Rimangono lì, vivi ed eroici proprio come ti piace ricordarli. Vivono dentro di te. Diventano a volte dei veri “esempi” da seguire, anche se sono personaggi immaginari.

A volte ti guidano, pur esistendo solo nei sogni. A volte contribuiscono addirittura a creare i tuoi sogni. Ora dimmi la verità: quando un film o un libro ti colpiscono così tanto, non avresti voglia di parlare con l’autore?, di approfondirne il contenuto, di saperne di più o semplicemente di ringraziare il creatore dell’opera per l’esperienza meravigliosa che ti hanno fatto vivere?

E se fosse possibile, non avresti voglia di parlare al personaggio, al protagonista della storia? Certo che SI! Immaginati che cosa meravigliosa poter parlare con Steven Spielberg (regista) dopo aver visto Indiana Jones, o Dan Brown (scrittore) dopo aver letto “il Codice da Vinci”, o con George Lucas (registra) dopo aver visto Guerre Stellari” o, se fosse possibile, con il signor Indiana Jones (non con l’attore che lo recita!).

Che esperienza sarebbe!

E ti dirò: proprio il film “Guerre Stellari” (del lontano 1978) è stato un film che ha segnato profondamente la mia infanzia e i miei sogni. Il tema è fantastico e più che mai classico, una favola “moderna” fantascientifica: un giovane ragazzo, Luke Skywalker (il protagonista), ha un sogno grande, magnifico: vuole volare, diventare un pilota di caccia stellari e combattere “i cattivi” di turno. Purtroppo però è nato povero e contadino in un pianeta sperduto della galassia, e i suoi tutori sono dei “semplici” poveri/contadini. Non c’è apparentemente una via che lui possa seguire perché, nonostante il suo impegno e la sua volontà, deve” rimanere legato al suo destino, come tutti gli dicono intorno a lui.

Ma il suo desiderio è forte, BRUCIA dentro di lui, è la sua piacevole ossessione.

Nei suoi sogni manda un messaggio all’esistenza: io sarò un pilota”. Ed ecco che nel momento in cui tale messaggio viene recepito, appare qualcuno e inizia la vera avventura del film. Arriva lui. “Arriva il MAESTRO”.

Appare dal nulla nella vita del ragazzo, come un lampo. E dopo essere arrivato, prende la mano del giovane e lo accompagna fino a quando ce n’è bisogno, fino a quando il ragazzo IMPARA A VOLARE DA SOLO!  Fantasticoooo!

Ah, che meraviglia se tali cose succedessero veramente!! Ma che meraviglia anche solo pensare che possano esistere nella fantasia! Se avessi di fronte il regista del film lo ringrazierei tanto perché le emozioni che mi ha regalato con il suo lavoro vanno ben oltre il costo di un biglietto del cinema. Peccato che è impossibile!

Sai, gli autori, TUTTI GLI AUTORI, sono persone impegnate e irraggiungibili. E quando dico impossibile, intendo proprio IMPOSSIBILE, pensa che hanno addirittura delle ferocissime segretarie mangia lettere il cui unico scopo nella vita è filtrare le telefonate e le lettere dai soliti ammiratori /seccatori.

So che funziona così, così va il mondo. Infatti HO COSÍ RAGIONE , che leggi un po’ cosa mi è successo: tutto ha inizio quando un giorno mia moglie acquista un libro e me lo regala. Lo acquista d’istinto, con il cuore.

Voleva regalarmi qualcosa che potesse darmi la carica in un momento di difficoltà. Qualcosa che mi spingesse a credere nei miei sogni, ormai provati da innumerevoli tentativi di realizzazione senza successo, e all’epoca quasi ridotti ad un lumicino di speranza. Così lei, nel suo infinito amore, decide di scegliere qualcosa che potesse darmi la carica e quale libro migliore di un libro dal titolo “Un Uomo e il suo Sogno” ?

Beh, sembrava una soluzione fin troppo banale per il mio problema! Quando ho letto il titolo ho pensato: “buona strategia di marketing, autorefurbone”! . Ho cominciato a leggere questo libro più per rispetto di mia moglie che per vera volontà.

Ma pian piano che leggevo mi rendevo conto che c’era qualcosa di veramente interessante. Questo autore non scriveva una storia inventata, scriveva LA SUA STORIA. Il libro infatti altro non è che semplicemente una biografia dell’autore. E nel libro c’è questo personaggio, Aldo, che è una persona incredibile e fa delle cose ancora più incredibili. UN AUTENTICO GIGANTE!

Ottiene un successo oltre ogni immaginazione, prova un amore sconfinato verso il prossimo, dimostra una disponibilità totale verso gli altri, e il tutto partendo da una posizione più disagiata della gran parte delle persone. Insomma, il classico: troppo bello per essere vero (di nuovo!). Leggendo il libro ci sono dei momenti in cui ti senti piccolo piccolo di fronte alla grandezza che esprimono le azioni di Aldo, sempre perfettamente morali, sempre perfettamente logiche, sempre riuscite.Ti fa quasi arrabbiare la facilità con cui prende le decisioni, sempre giuste, sempre vincenti.

Dici: “ma guarda questo che razza di fortuna”.

E pensi: “questo si è inventato qualcosa, non può essere la sua vita vera”.

Nonostante i dubbi che a volte ti vengono, durante la lettura non puoi fare a meno di “immedesimarti” nel personaggio del libro come faresti con qualsiasi altro personaggio, e fare il tifo per questo giovane ragazzino Aldo Mauro. E man mano che scorrono le pagine è tutto un susseguirsi di emozioni: meraviglia, stupore, preoccupazione per i momenti più bui della sua vita, e di nuovo meraviglia per il modo in cui ha sempre riportato la sua vita a brillare! E non si parla di una vita senza intoppi: anzi! Leggi il libro e vedrai che non ha ricevuto nessuno sconto! Cominci a pensare che la fortuna, con il suo successo, c’entri molto poco!

Pian piano Aldo diventa parte di te, della tua esperienza personale, proprio come il Luke Skywalker di guerre stellari o un altro personaggio del tuo libro/film preferito. Smetti di porti domande, e prendi gli eventi narrati per come sono: una storia meravigliosa, (e magari) addirittura vera.

E così inevitabilmente qualcosa scatta dentro di te: quando leggi di questo bambino italiano, il bambino della porta accanto, che cresce fino a divenire un gigante partendo da zero, che realizza i suoi sogni più fantastici, che aiuta gli altri a realizzare i propri, non puoi che pensare: “se fosse possibile realizzare anche solo un decimo di quanto ha realizzato lui, allora posso farcela anch’,io!”.

Così, nel crescendo delle esperienze esagerate del giovane Aldo (nel libro ovviamente non fai mai invecchiare l’idea che ti fai del personaggio), le emozioni crescono, impari delle cose, leggi dei consigli concreti, e il tuo cuore e la tua anima vengono inevitabilmente ispirati.

E, sempre mentre leggi il libro, cominci a pensare che forse è effettivamente TUTTO VERO perché noti quel susseguirsi di eventi così incalzante come solo una vita vera può dare. Nessun autore metterebbe tutte quelle cose in un libro se volesse spacciare per vera una storia inventata: non gli crederebbe nessuno!

Personalmente rivedevo il giovane Luke Skywalker che inseguiva il suo sogno con successo, con la differenza che questo era pure italiano, e i luoghi non erano fantascientifici, ma REALI (e con nomi pittoreschi” tipo Agrate Brianza!). Che meraviglia! Così alla fine sono dovuto convenire che mai titolo è stato più azzeccato per un libro, e il marketing proprio non c’entrava nulla. In sintesi questa lettura “è stata una delle più ispiranti della mia vita”, e ho letto centinaia di libri sui generis quindi non sono proprio un novizio del settore motivazione. È stata un’ispirazione meravigliosa. Mi ha ridato coraggio, mi ha detto chiaramente “È POSSIBILE!”.  

Non posso fare a meno di consigliartelo con il cuore in mano. Il personaggio del libro è diventato parte di me, parte della mia immaginazione, una “guida interiore”. Ma aspetta un attimo! Questo libro è una autobiografia! Il “personaggio del libro” esiste sul serio.  Certo! E così, dato l’impatto che ha avuto su di me, ho fatto per la prima volta ciò che non ho mai avuto il coraggio di fare prima con nessun altro: ho deciso di cercare e contattare l’autore per “esprimergli” la mia gratitudine. 

Ti è mai capitato di provare dentro un senso di gratitudine così forte che hai bisogno di trasmetterlo per forza? Tipo quando ricevi un regalo da qualcuno che è troppo grande o che non ti aspettavi, e ti senti in imbarazzo perché non sai come ricambiare, così lo riempi di grazie e vorresti tanto fare qualcosa per lui?

Dopo il libro mi sentivo così: non mi bastava aver acquistato il libro e aver contribuito ai diritti d’autore. DOVEVO esprimere la mia gratitudine per quello che l’autore aveva (inconsapevolmente?) fatto per me, volevo dirgli di continuare così, che era sulla strada giusta, perché come aveva dato speranza a me poteva darla anche ad altri”.

Volevo insomma regalargli la soddisfazione che si meritava. Così ho cercato, ho trovato e ho gettato il mio messaggio nel vento dei mezzi di comunicazione, senza naturalmente aspettarmi nessuna risposta. Pensavo: “sicuramente qualche simpatica segretaria cestinerà il mio messaggio che non arriverà mai a destinazione, è per forza così”. Figurati se va diversamente. So come va il mondo. Infatti avevo di nuovo ragione ,  tanto che dopo SOLO UN GIORNO (!!!) vengo contattato io dall’autore (!!!!!!!)Ricevo una lettera con il suo recapito e il numero di telefono e un invito a contattarlo di persona, da lui in persona! Ora cerco di esprimerti la mia sensazione di quel momento. Sei pronto?

E nella prossima riga: Faccine…. faccine…. stupore, meraviglia e mille altre emozioni.  Ecco, è proprio quella lì. Quella serie di puntini sullo schermo. Hai presente la tipica faccia del “pesce lesso”, con l’occhio e la pupilla che fissano il vuoto? Ecco, quella rende bene l’idea. Mente vuota. Ero allibito per una possibilità che non avevo mai pensato di poter avere realmente. Cerca di capirmi: qui non si parlava di contattare Gorge Lucas, regista del film Guerre Stellari. 

Si parlava di contattare IL PERSONAGGIO DEL LIBRO, perché esisteva davvero! Era come parlare con Luke Skywalker in persona! Nella lettera c’era un numero di telefono. Una cosa bellissima dirai tu, e infatti la pensavo come te. Ma non era tutto rose e fiori: prova a metterti nei miei panni. In quel momento pensavo: ma anche se lo chiamo, cosa gli dico a questo? chi lo conosce . Beh….gli dico grazie, il tuo libro mi ha ispirato e poi metto giù. Ma si dai, anche perché SO COME VANNO QUESTE COSE (!?!) . Questi “personaggi non hanno MAI TEMPO e sono sempre super  impegnati.

Sarà una conversazione Breve. Infatti, avevo di nuovo ragione (è una abitudine), tanto che la telefonata è durata tre ore. Hai capito bene: TRE ORE!!!! Tre ore meravigliose a parlare con uno sconosciuto, ma uno sconosciuto con un’energia travolgente, che ha il potere di ipnotizzarti anche al telefono! E sai la cosa veramente assurda? Ha parlato praticamente sempre lui!! Ora non saprei proprio dirti che cosa ci siamo detti, perché ero un po’ frastornato e non lo ricordo bene.

Quello che ricordo però è che sono stato letteralmente travolto dallo stesso personaggio che ho letto nel libro, lo stesso identico! Si proprio lui! È come se chiami INDIANA JONES e non parli con Harrison Ford, parli con INDIANA JONES!!! Pazzesco, stavo parlando con un uomo che aveva veramente vissuto la vita che aveva scritto. E si sentiva che era così!

Anche per telefono! C’era una meravigliosa COERENZA che traspariva da ogni sua parola, da ogni pausa nella voce, da ogni aneddoto. Sentivi sincerità, anche se diceva cose “fuori dal mondo”. Se c’era qualcosa di non vero nel libro, era che non c’era scritto tutto!! Aveva tralasciato delle altre cose incredibili! Così ho avuto un contatto pazzesco, con una persona ancora più pazzesca. Vuoi sapere cos’è successo dopo la telefonata? Per adesso lascia che ti dica solo questo: Oggi siamo all’inizio del mio personalissimo “Guerre Stellari”. Le cose sono andate più o meno così: Ho mandato un desiderio nell’universo. Ed è apparso lui. IL MAESTRO. Il mio futuro te lo svelerò la prossima puntata.


La morale? Credi nei tuoi sogni, l’universo farà il possibile per farteli realizzare! Oppure puoi sempre scegliere di fare lo scettico come ho fatto io per anni, e non credere alle cose impossibili.

Quindi mi raccomando: NON contattare mai l’autore di un libro che ti regala ispirazione: “IMPOSSIBILE che ti risponda” ,

Giulio Marsala PS: Se non ho ancora vinto la scommessa, la vincerò dopo che leggerai il libro, lui ha cambiato in meglio la mia vita, la mia famiglia, i miei figli e mi ha accompagnato al “SUCCESSO”.

Sai che ho ragione no? 

Se “vuoi ricevere il libro”con dedica , prova a contattarlo, può  darsi che il tuo Sogno si avveri.!

… PAROLE DI ALDO…..

…SE LASCIAMO TRACCE DI NOI NEL

RICORDO DI CHI CI CONOSCE, VORRÀ DIRE

CHE POTREMO VIVERE PER SEMPRE…

AUGURI A TUTTI VOI

Share