La casa e la salute nell’antichità: Dott. Aldo Mauro Bottura

Pastore con pecore

I Babilonesi, come poi Romani e Greci, facevano pascolare e dormire le greggi, per un anno, sui terreni dove volevano costruire e ne analizzavano, poi, il fegato facendo riferimento ad un modello in pietra cui doveva corrispondere, i cinesi, invece, sceglievano i luoghi secondo lo studio delle simmetrie dell’ambiente circostante.

L’architettura spontanea, dai nostri lontanissimi avi, ha sempre tenuto conto di determinati fattori. Aria, acqua, luce, luoghi salubri il più possibile: questi aspetti, oggigiorno, sono trascurati in fase progettuale, perché si cerca di ovviare a tutto ciò con la tecnologia: condizionamento, insonorizzazione, luce artificiale.

Per averne una prova, basta entrare in una delle cattedrali erette nel medioevo: tutta la costruzione è basata sulle valutazioni suddette note ai costruttori e l’altare ed il pulpito sono i luoghi energetici migliori. I Romani costruirono, ad esempio, il carcere Mamertino secondo l’asse sud-ovest, questa disposizione provoca, a lungo andare, malessere accentuato, senso di prostrazione.

I letti non dovrebbero avere mai questo orientamento.

Sempre i Romani, dove non potevano bonificare secondo i loro criteri, erigevano altari a questa o quell’altra divinità. Il tempio delle Vestali con il fuoco sacro sempre acceso, pena l’uccisione delle responsabili (ricordare Rea Silvia) fu eretto per cercare di neutralizzare , appunto con il fuoco, un grande campo energetico negativo prodotto da un fiume sotterraneo che attraversava quasi tutta la città e gli ingegneri dell’epoca non erano riusciti ad imbrigliare.

Ancora non molti anni fa, era in uso tenere accesa una fiammella, lampada ad olio, nelle camere da letto per favorire il riposo e rendere più salutare l’aria.

Il fuoco, sembra, favorisca la corretta ionizzazione dell’aria. Ai nostri giorni, senza più Lari e Penati che ci “proteggono”, si vedono costruzioni che, se non sono incubi procurati da cibo pessimo e per di più avariato, sono il frutto di qualche misterioso disegno che, almeno a me, sfugge.

 

Sito bonificato nell'antichità

Ormai abbiamo la sindrome dell’edificio malato e la sindrome della malattia da edificio.

Le patologie sono dovute al riscaldamento dei tessuti e l’effetto delle onde si rivela su apparato endocrino, cuore, intestino. Dall’analisi della pianta e sopralluogo sul posto, si evidenzia un nesso di causalità tra luogo, sottosuolo e paziente, con forte negatività quasi sempre nei luoghi deputati al riposo: le camere da letto, vere antenne accumulatrici, con i letti in metallo, materassi con molle, tv, computer, trasformatori, cellulari e ciabatte elettriche, ecc… ecc….

 

Come nasce una patplogia

I sintomi più comuni: tachicardia, irrequietezza notturna specie nei bambini, leucemia infantile e in tarda età,disturbi intestinali, insorgenza del Diabete, difficoltà ad addormentarsi, risveglio notturno tra le 2 e le 5, senso di angoscia, stanchezza cronica, difficoltà ad alzarsi al mattino e nei casi peggiori si riscontra un notevole incremento di patologie degenerative.

Che questi problemi erano considerati dall’antichità lo dimostra anche il fatto che se ne parla nella Bibbia: Levitico14, 2749.

Possiamo concludere affermando che, un accurato controllo geopatico, è  la  “Prevenzione” più efficace.

 

Se preferite scriverci, compilate il modulo e vi risponderemo al più presto.


Share