IL TERRENO BIOLOGICO

IL TERRENO BIOLOGICO

È noto che in ogni laboratorio biochimico, per far proliferare un dato microbo,

Occhio alla corretta conservazione

 

si preparano colture adatte alla sua sopravvivenza. Solo in un ambiente, definibile “terreno adatto“, è possibile ottenere la proliferazione del microbo.

Il terreno biologico è l’insieme dei fattori e delle condizioni che caratterizzano un determinato organismo in un certo momento. Pertanto un individuo che ha un “buon terreno” non lascia spazio alla malattia. E’ quindi il terreno che dobbiamo considerare e non gli eventuali aggressori (microbi, virus…).

Proliferazione di microbi e batteri

 

DNA

Cellule sane e malate

 

 

 

 

 

 

A questo proposito va ricordato che durante tutte le gravi epidemie del passato non tutta la popolazione veniva colpita, proprio coloro che erano rimasti sani prestavano le cure ai malati senza contrarre alcuna malattia. Il loro buon terreno non consentiva l’insediamento di quel dato agente patogeno.

È solo quando un agente patogeno trova il terreno adatto che si genera una “malattia“.

Share