IL DICIANNOVESIMO PASSO VERSO IL CAMBIAMENTO È: “IL SESTO SENSO”.

 

 

 

Il sesto senso può essere definito come il senso per mezzo del quale l’intelligenza infinita potrà comunicare senza alcun intervento da parte dell’individuo.
Tale principio è l’apice di questa filosofia; esso potrà essere assimilato, compreso ed applicato solo dopo aver raggiunto la completa padronanza degli altri principi.

Il sesto senso è superiore ad ogni definizione, non può essere descritto ad una persona che non abbia la padronanza degli altri principi di questa filosofia, perché tale persona non ha né conoscenze né esperienze cui paragonarlo.

 

UN SENSO ACQUISITO

Il sesto senso non è qualcosa che si possa togliere o mettere a piacere.

L’abilità di usare questo potere si forma lentamente attraverso l’applicazione degli altri principi che abbiamo elencato.

Molti individui arrivano alla conoscenza operativa del sesto senso anche prima dei quarant’anni, ma più spesso non la si raggiunge finché non si è più che cinquantenni, e ciò in quanto le forze dello spirito, cui questo senso è intimamente collegato, non maturano e non diventano utilizzabili se non dopo anni di lavoro, di autoanalisi e di pensiero profondo.

Ma iniziate a svilupparlo fin d’ora, applicando i principi di cui abbiamo parlato fin qui.

Ricordate che l’uomo non può creare nulla che non sia stato prima concepito sotto forma d’impulso di pensiero.

Un impulso di pensiero, sia volontario o involontario, comincia immediatamente a tradursi in azione per il raggiungimento del suo equivalente fisico.

Tenete lontana dalla vostra mente la paura e concentratevi sull’immagine mentale del vostro obiettivo, ossia del vostro maggior desiderio.

 

IL PERNO DI NOI STESSI.

Il Sesto Senso è quella facoltà della mente che può essere paragonata all’immaginazione creativa; può essere riferita anche ad una stazione ricevente attraverso la quale le idee interiori, le motivazioni profonde, i piani ed i pensieri creativi arrivano nella mente come un lampo, all’improvviso.

Talvolta questi lampi possono essere definiti “ispirazione”.

È difficile descrivere il sesto senso, ma quando si manifesta abbiamo la certezza di aver trovato il perno di noi stessi.

Sicuramente questo passaggio è più chiaro a coloro che hanno assimilato i principi precedenti, attraverso esso è possibile anche prevedere certi avvenimenti che potrebbero capitarci e magari danneggiarci, e quindi darci il tempo per evitarli.

Si può dire che, sia pur in misura diversa, la maggior parte delle persone hanno provato questo sesto senso, hanno percepito cioè delle sensazioni di cui si ignorava l’origine ma che erano tuttavia ben chiare nel nostro intimo.

Molte persone hanno seguito questo istinto, costatando poi di aver evitato un pericolo, o di non aver preso quella decisione che, se presa, pur essendo perfettamente accettabile sul piano della logica, avrebbe causato un fallimento.

Il sesto senso, infatti, trascende la logica, esso manda dei messaggi al nostro conscio con molta chiarezza e quando non lo ascoltiamo capita di dover poi dire “me la sentivo”.

Sono convinto che da qualche parte, nella struttura del cervello, esiste un organo che riceve certe vibrazioni, la scienza non l’ha ancora scoperto, ma ciò non è importante, rimane il fatto che gli esseri umani possono ricevere determinate conoscenze attraverso sensazioni che non passano dai nostri sensi fisici.

Tali conoscenze, in generale, vengono meglio percepite quando la mente è sotto l’influenza di una stimolazione emotiva.

Il fatto stesso che siamo consapevoli dell’esistenza del sesto senso, ci permette di percepirlo meglio e di usarlo a nostro vantaggio.

Un metodo ormai largamente sperimentato per stimolare il nostro sesto senso è quello di rilassare completamente e totalmente il nostro corpo e immaginare mentalmente una scena piacevole della natura, questa tecnica, (ampiamente spiegata al seminario di “Dinamica Mentale” crea le condizioni adatte per la percezione dei messaggi trasmessi dal sesto senso.

Dobbiamo stare molto attenti ad ogni sensazione che proviamo, soprattutto se ci capita di percepire cose che a prima vista non ci sembrano tanto attinenti al tema che stiamo affrontando in quel momento.

In effetti potrebbe trattarsi di uno di quei lampi di cui abbiamo parlato prima e, se lo analizziamo bene, potremmo ricavarne indicazioni molto valide.

Siamo infatti ora in possesso di un metodo fantastico che ci permette di sentire e analizzare quello che ci viene trasmesso da sesto senso.

Sta a noi e solo a noi, assumerci la responsabilità di guidare la nostra vita, decidere se sarà una avventura entusiasmante o se sarà solo un transito insignificante.

FANTASTICOOOOOOO!

 

CI VEDIAMO ALLA PROSSIMA LEZIONE!

MA TRA QUESTA LEZIONE E LE PROSSIMA GUARDATEVI QUESTO

BEL FILM “IL SEGRETO”. AUGURI E VI AUGURO DI CREDERCI!

METTETEVI COMODI DURA 1H E 35 MINUTI FELICI.

IO L’HO ADOTTATO 60 ANNI FA ED HA FUNZIONATO BENISSIMO.

IL SEGRETO?

CHIEDERE – CREDERE – GRATITUDINE

LA MIA VITA NE È LA TESTIMONIANZA

SE DOPO 60 ANNI SONO ANCORA QUI A

PARLARNE ENTUSIASTICAMENTE…..

…A PRESTO.

 

Imago dal web.

Share