Fare “PREVENZIONE” negli ambiti scolastici è possibile? A colloquio con Aldo Mauro Bottura, Bionaturopata e Docente di Geobiologia.

DOTT.SSA ROBERTA PILIEGO GIORNALISTA

Intervista della Dott.ssa Roberta Piliego.

-         Conoscendo la sua fama in ambito internazionale e la sua incessante abnegazione nel divulgare il concetto di “prevenzione” cosa ci può dire riguardo la salute dei bambini a scuola?

-         R. Sono stati eseguiti, nel corso degli ultimi decenni, sia in Europa che negli U.S.A. innumerevoli studi sulla popolazione scolastica, dalle scuole materne alle università. Queste indagini, effettuate da esperti in pedagogia, con la collaborazione di molti insegnanti, hanno consentito di formulare una tesi sorretta da decine di migliaia di motivazioni. Si verificava che la collocazione, inconsapevole, di un alunno su di un “NODO”  della Rete Hartmann o Curry generava, nella maggior parte dei casi, una grave difficoltà di concentrazione che si evidenziava con un rendimento scolastico scarso.

-         Quali sono state le anomalie comportamentali ?

-         R. Lo studente, che rimane seduto per molte ore, sovra esposto a perturbazioni geopatiche, diventa spesso nervoso, irascibile, agitato, distratto e frenato nel suo sviluppo intellettuale.

-         Quindi il permanere seduti nello stesso posto per giorni, settimane o anni potrebbe causargli danni ?

-         R. Si certamente ! Spesso l’insorgenza di tali sintomi, che potrebbero nel tempo dare origine a disturbi più gravi, sia di carattere fisico che psicologico, non sono considerati dagl’organi competenti, anzi, vengono spesso colpevolizzati sia lo studente che la famiglia.

-         Questo potrebbe aggravare la situazione ?

-         Si, perché quando nessuno si ritiene colpevole, esiste un luogo comune di facile utilizzo, “sarà la società o le cattive frequentazioni” ! Scappatoia usata in molte parti del mondo.

-         Così non si affronta il problema

-         R. Certo, anzi così facendo, andiamo ad ingenerare un ulteriore danno, quello di far insorgere dei “sensi di colpa”, che potrebbero sul piano psichico, danneggiare gravemente sia i familiari che lo studente. A volte, tutto ciò, ha modificato la vita di migliaia di studenti, compromettendo brillanti carriere e creando molte patologie, non essendo stata individuata la causa generatrice delle problematiche.

-         Ma la medicina tradizionale ?

-         R. La maggior parte dei “Medici” non conosce i danni causati da stress geopatico o da elettrosmog, quindi, lascio alla sua fervida immaginazione ipotizzare quali rimedi adotteranno per un problema a loro “sconosciuto”. Non rimuovendo la causa, nessuna terapia potrà essere efficace! Infiniti studi  condotti in molti paesi e da diversi Istituti di Ricerca, hanno costatato che il “paziente geopatico”, è tendenzialmente ed involontariamente portato ad occupare, ovunque egli vada, una posizione di “stress geopatico”, aggravando quella serie di disturbi o malattie precedentemente citate.

-         Come si comportano negl’altri paesi ?

-         R. Molti, fanno eseguire rigorosi controlli da Tecnici Specializzati, compresi i controlli riguardanti il “Gas Radon”, (prima causa di morte per tumore polmonare), altri consigliano di cambiare giornalmente il posto occupato, altri ancora fanno schermare le aule in fase di costruzione.

-         E da noi…nella nostra bella Italia ?

-         R. Cara Dott.ssa, preferirei non rispondere. Essendo lei una giornalista non le sarà difficile riscontrare casi drammatici verificatesi in tutta Italia, scuole ove morivano ripetutamente bambini di LEUCEMIA causata da elettrodotti che passavano o sopra o nelle immediate vicinanze della scuola stessa. Ogni Geopatologo o esperto in Bioelettronica le potrà confermare che i nodi geopatici  sono estremamente interferenti con la complessa macchina bioelettrica che si chiama “corpo umano”. A volte solo la rigida presa di posizione di alcune famiglie ha posto fine a molti drammi altrimenti irrisolti.

-         È un argomento molto interessante, molto ampio e non sufficientemente conosciuto. Cosa si può fare ?

-         R. Divulgazione. Se le istituzioni preposte non si occupano del tema, tocca ad ognuno di noi farsi carico di provvedere a tutelare la salute dei propri cari.

-         Avete individuato la soluzione del problema ?

-         R. Certamente si ! I nostri rilevamenti Tecnici consentono di scoprire qualsiasi interferenza sia geopatica sia tecnica, ma non solo. Ampie spiegazioni visitando il nostro sito internet www.ferrari-casaesalute.it . Per i posti a sedere, sia a scuola sia a casa o alla guida di un automezzo è stata studiata una soluzione Tecnico – Scientifica che elimina l’insorgenza di tali disturbi, deviando le radiazioni geopatiche e annullando le interferenze Tecniche. Inoltre aumenta sensibilmente il livello energetico dell’utilizzatore, il suo nome è “PROTECTOR”.

-         Da un’attenta lettura ho costatato che l’utilizzo del “Protector” offre molti altri vantaggi

-         R. Si certamente, vorrei confidarle che i vantaggi sono ben più ampi di quelli descritti nel sito, ma la nostra soddisfazione è nella conferma costante dei nostri utilizzatori i quali fin dalla prime settimane ci confermano un miglioramento costante. Questo ci ripaga degli anni dedicati alla ricerca e ci conferma che tramite una positiva divulgazione possiamo fare di più.

-         Ferrari si occupa anche di altro ?

-         R. Ovviamente si ! Una vita dedicata alla ricerca e alla prevenzione. Invito tutti a visitare il nostro sito per saperne di più.

-         Per ricevere un vostro “Protector” cosa bisogna fare ?

-         R. Semplicemente ordinarlo via fax o e-mail compilando il Form oppure telefonando

-         Salutando tutti i lettori di questa breve intervista, voglio sottolineare che il Dott. Aldo Mauro Bottura ricorda che “nessuno si interesserà alla vostra salute se non Voi stessi”.

 

FANTASTICOOOOOOOO!

 

 

Ditta Ferrari via Vergana, 31  20041 Agrate Brianza – Milano  Tel.039-6890003  oppure 039-6881698 e-mail info@ferrari-casaesalute  siti internet www.ferrari-casaesalute.it

Share