LESIONI DEI MENISCHI: capitolo 3 di Domenico Scarpa

DOMENICO SCARPA

Avvertenza : questo argomento è assolutamente informativo , non può in alcun modo sostituire la diagnosi e le indicazione del medico specialista .

I menischi hanno un ruolo bio-meccanico ben preciso nella stabilizzazione articolare, per cui una meniscectomia( estirpazione chirurgica ) non deve essere eseguita a cuor leggero soprattutto nello sportivo. Mentre nelle lesioni semplici soprattutto del compartimento mediale la percentuale di ritorno a prestazioni sportive simili a quelle pre-trauma è molto alta, nelle lesioni complesse è molto difficile il ritorno a situazioni pre-traumatiche.

Il trattamento ed il programma rieducativo per le distorsioni si differenzia quindi in base alla gravità delle stesse.
Nelle distorsioni lievi è sufficiente la crioterapia nelle prime 24 – 48 ore tenendo l’articolazione a riposo, si applica un bendaggio funzionale per sette giorni con precoce mobilizzazione attiva e potenziamento muscolare selettivo in quarta, quinta giornata.

Il massaggio è da escludere nei primi due giorni sulla zona lesa, eventualmente si può praticare sui muscoli preposti alla mobilità, facendolo precedere da termoterapia.

Nelle distorsioni di 2°, in cui è necessaria l’immobilizzazione gessata, si applica il ghiaccio per 48 ore e poi si ingessa per 15 – 30 giorni. Nel frattempo si effettuano le contrazioni isometriche in gesso ed una volta tolto si esegue un bendaggio funzionale e sì inizia una mobilizzazione precoce preceduta da ultrasuoni e massaggio trasversale profondo con ghiaccio.

Se rimane versamento, dolore, sensazione di ginocchio impastato, si mantiene l’articolazione a riposo in posizione declive e si applica freddo associando il massaggio di drenaggio per piede e gamba con bagni di contrasto in caso di edema delle estremità.

In caso di distorsioni minori, con assenza di instabilità, si applica per 15 giorni un bendaggio di immobilizzazione parziale con rinforzi selettivi per scaricare la zona traumatizzata ed eventualmente, previa una successiva valutazione, lo si riconfeziona per altri 15 giorni prima di iniziare il potenziamento muscolare e la rieducazione.

Le distorsioni gravi devono essere trattate chirurgicamente e mantenute successivamente immobilizzate per 5 – 6 settimane. Durante la fase di immobilizzazione far collocare l’arto inferiore in posizione declive, esercitare la parte sana, far eseguire contrazioni isometriche del quadricipite e lavoro attivo del piede, delle dita e dell’arto contro laterale.

DOMENICO SCARPA , MANI SAPIENTI.

Via Cascina Nuova, 39  Settimo Torinese  Torino  Cell. 338-88.63.81 Riflessologia piedi e schiena Linfodrenaggio e Shiatzu.

RIVOLGITI SEMPRE A PERSONALE SUPER SPECIALIZZATO!

Share